California Dorata in 12 giorni

Un viaggio alla scoperta dei must californiani! San Francisco (la “City by the Bay”), uno dei porti naturali più belli del mondo, luogo dal sapore europeo e dagli scorci indimenticabili, è una città particolare e culturalmente ricca ed emozionante. A sud della Città sulla Baia si possono scoprire tanti piccoli gioielli incastonati lungo la scenografica costa californiana che arriva fino a Los Angeles, mecca del cinema e del jet set patinato, con il miglio quadrato più caro al mondo, la mitica Rodeo Drive. E tra una puntativa a Las Vegas, la città delle mille luci e attrazioni e santuario del gioco, e lo spettacolo unico e mozzafiato del Grand Canyon, si potrà infine godere di San Diego che grazie al suo clima, alle spiagge di sabbia fine che si estendono per 13 km fino al confine con il Messico e al grande richiamo dello Sea World o del San Diego Zoo, è universalmente riconosciuta come la piccola e deliziosa perla californiana!

Giorno 1: ITALIA – SAN FRANCISCO

Partenza dall’Italia e arrivo a San Francisco: una città ricca di colline e caratterizzata dalla sua splendida baia. Potete recarvi all’hotel prenotato.
Prendete un tram per la famosa Lombard Street o Fisherman’s Wharf. Visitate Chinatown, Union Square e le strade caratteristiche dei sobborghi etnici della città. Attraversate la baia per arrivare all’isola di Alcatraz, il famoso penitenziario; percorrete le vie a saliscendi sui famosi tram – cable cars. Visitate i famosi Golden Gate. Esplorate se avete altro tempo anche i quartieri di North Beach, Nob Hill, Mission District, Russian Hill.

Giorno 2 e 3: SAN FRANCISCO

Avrete due intere giornate per esplorare San Francisco e tutto ciò che circonda la sua famosa baia.
San Francisco è una città ricca di colline e caratterizzata dalla sua splendida baia. Sorge sulla punta di una penisola lunga 50 km, nella California settentrionale, con l’Oceano Pacifico a ovest e la Baia di San Francisco a nord e a est. San Francisco è una delle molte città che sorgono nella zona della baia; tra le altre ci sono Oakland (a est oltre il Bay Bridge), Berkeley (appena a nord di Oakland) e San Jose (a un’ora di automobile e a sud-est di San Francisco, vicino all’estremità meridionale della baia). Marin County e Wine Country si trovano a nord, dall’altra parte del Golden Gate Bridge.
La parte più turistica della città si trova tra Van Ness Avenue, Market Street e l’Embarcadero. A sud di Market Street si trova SoMa, una zona in costante ascesa nella scala sociale, con bar e discoteche, che si estende a sud-est fino al confine con Mission, il quartiere latino della città, e il quartiere di Castro, il centro omosessuale della città. La parte occidentale, che si estende da Van Ness Ave all’Oceano Pacifico, comprende quartieri aristocratici, come Marina e Pacific Heights, zone abitate da varie etnie, come i quartieri di Richmond e Sunset, e il quartiere di Haight Ashbury, segnato dal tempo. In questa zona si trovano inoltre tre grandi parchi cittadini, il Presidio, il Lincoln Park e il Golden Gate Park. Percorrendo la 49-Mile Drive si possono vedere quasi tutte le attrazioni principali della città.
Avrete inoltre, la possibilità di partecipare ad un tour in barca per l’isola di Alcatraz e fare uno dei giri avventurosi su uno dei famosi tram. Se desiderate potete prenderete inoltre il traghetto per Sausalito per ammirare il luogo dove gli artisti espongono le loro opere lungo la baia. Infine, percorrendo un piccolo tratto potrete raggiungere i famosi Muir Woods.

Golden Gate San Francisco

Giorno 4: SAN FRANCISCO – MONTEREY (180 KM)

Dopo aver ritirato l’autovettura in città, viaggiate verso sud seguendo la bellissima Costa del Pacifico, per Monterey. La famosa strada panoramica 17-Mile Drive vi condurrà attraverso spettacolari scorci del litorale e dell’Oceano Pacifico, lungo la costa della penisola fino a aggiungere Carmel-by-the-sea, cittadina di artisti su una bellissima baia a mezzaluna. Da vedere anche la missione spagnola fondata nel 1770.
Arrivate a Monterey e visitate Cannery Row e i suoi eleganti negozi. Le vecchie fabbriche per l’inscatolamento del pesce rese famose da Steinbeck, sono state trasformate in negozi e ristoranti alla moda.

Giorno 5: MONTEREY – SAN LUIS OBISPO (230 KM)

Proseguire verso sud lungo la scenica Pacific Coast Highway. Un percorso serpeggiante lungo la scogliera che inizia a Monterey e attraversa il Big Sur, dove le montagne si tuffano nell’Oceano Pacifico. Più a sud, la strada passa per il dolce paesaggio delle colline tempestate di querce di Hearst Castle e termina a Morro Bay.
Scendete per Big Sur, zona particolarmente pittoresca, con scogliere a picco sul mare, fino a raggiungere San Simeon. Qui a San Simeon potete visitare Hearst Castle, il castello stravagante fatto costruire dal magnate dell’editoria Randolph Hearst, personaggio centrale del famoso film Quarto Potere di Orson Welles.
Se il tempo ve lo permette vi consigliamo di prepararvi un picnic e seguire uno dei sentieri ben fatti intorno alla spiaggia di Pfeiffer State per un ricordo indimenticabile di questa bellissima zona. A breve distanza nell’entroterra c’è il cuore del Central Coast, San Luis Obispo, pittoresca cittadina sulla costa centrale.

Giorno 6: SAN LUIS OBISPO – MALIBU – SANTA MONICA – LOS ANGELES (323 KM)

Continuare il vostro viaggio verso sud per Santa Barbara, spesso descritta come l’American Riviera.
Santa Barbara è una cittadina turistica adagiata su una stretta lingua di terra tra le ripide montagne di Santa Ynes e l’oceano. La spiaggia di Santa Barbara é molto esclusiva ed offre un’ambiente rilassante dal clima Mediterraneo. Il porto della città é collegato con le isole di Santa Rosa e Santa Cruz.
Si attraversa Malibu, località marina che si allunga per circa 40 km sulla costa, famosa per le spiagge e per accogliere un numero imprecisato di star di Hollywood nelle ville nascoste sulla collina o lungo la spiaggia; si giunge poi a Santa Monica, altrettanto famosa, ma più popolare. Arrivate infine a Los Angeles.

Santa Barbara California

Giorno 7: LOS ANGELES

Intera giornata dedicata alla città di Los Angeles e ai suoi dintorni.
Le attrazioni più note di Los Angeles sono, oltre alle lunghe spiagge del Pacifico, sono il quartiere di Hollywood, i negozi di Rodeo Drive e le ville dei divi dello spettacolo a Beverly Hills, Bel Air e Malibù e i parchi tematici di Disneyland (che in realtà si trova nella città di Anaheim nella confinante Contea di Orange), Universal Studios e Paramount. Ma probabilmente il modo più originale di fare il turista a Los Angeles è quello di riconoscere sparse per la città le location di tutti i più celebri film e telefilm americani, senza dimenticare il famoso Grauman’s Chinese Theatre.
Da non dimenticare è il quartiere di Venice Beach, conosciuto non solo per i negozi affacciati sulla spiaggia, ma anche per un percorso di piste ciclabili e per i numerosi artisti di strada. Hale House, situata a nord-est della città, viene definita “la casa più fotografata della città” da Jack Smith, e nel 1972 è stata inserita nel National Register of Historic Places. Il luna park posto sul molo di Santa Monica è uno dei ritrovi più frequentati e uno dei più grandi al mondo su palafitte.

Malibu California

Giorno 8: LOS ANGELES – LAS VEGAS (Km. 434)

Partenza da Los Angeles in direzione di Las Vegas, attraversando il Mojave Desert. Percorrendo l’autostrada che collega Las Vegas a Los Angeles attraverserete il monte di San Gabriel, passando per San Bernardino. Lungo il percorso potrete fare una piccola deviazione su Barstow e visitare Calico, la “città fantasma”, così vengono chiamate le città dei cercatori d’oro: una volta città del boom dell’argento e dove il whiskey era economico come l’acqua. Le attrazioni di Calico includono un tour nelle miniere, nel museo e un giro in treno. Sosta a Barstow per il pranzo o lo shopping nei numerosi outlet della zona.
Oppure potete attraversare Bakersfield, il caldo deserto meglio conosciuto per il suo alto termometro. Dirigetevi poi verso la favolosa città del divertimento: Las Vegas, la città dove non si dorme mai. Una volta arrivati potrete percorrere tutta la strip e ammirare i numerosi hotel della città che insieme ai molteplici spettacoli e casinò vi lasceranno senza fiato.

Giorno 9: ESCURSIONE FACOLTATIVA AL GRAND CANYON (Km. 444) oppure A DEATH VALLEY (246 km)

Giornata a disposizione, potete decidere di fare un’escursione al Grand Canyon West Rim con il suo famoso Skywalk (molto più vicino e facilmente raggiungibile da Las Vegas rispetto alla classica entrata South Rim) oppure alla Death Valley. Il Grand Canyon si è formato per l’erosione esercitata dal fiume Colorado nel corso di milioni di anni, è una tappa d’obbligo per chi vuole ammirare le bellezze dell’Ovest.
Se volete invece allontanarvi da Las Vegas potete fare come la maggior parte dei visitatori del parco e arrivare al South Rim, lungo la strada statale 64 dell’Arizona.
I tour nel margine occidentale del Grand Canyon propongono moltissime attività, tra cui voli in elicottero sul Grand Canyon fino in fondo al canyon, escursioni nel margine occidentale per visitare lo Skywalk, gite in barca sul fiume Colorado, tour in Hummer ed escursioni guidate a cavallo lungo il margine occidentale del canyon. L’UNESCO ha inserito il parco tra i Patrimoni dell’umanità. Il Grand Canyon – che in realtà è un esteso sistema di canyon collegati – non è il più grande, né il più profondo canyon del mondo, ma è considerato prezioso per la combinazione di grandezza, profondità ed esposizione delle stratificazioni colorate di rocce che risalgono al periodo Precambriano. Venne creato principalmente dal sollevamento tettonico dell’Altopiano del Colorado, e dall’erosione da parte del fiume Colorado e dei suoi affluenti. È noto anche come uno degli altipiani americani.
In alternativa potete decidere di visitare il fantastico Death Valley National Park, che si trova tra due catene montuose, nella zona sud-est della California, e offre un paesaggio surreale: una landa desertica caldissima, dove sorgono sorprendentemente delle piante grasse, dove vivono numerose specie di animali e con un paesaggio costituito da laghi salati, dune di sabbia dorata e rocce dai colori vivaci.
Al suo interno si trova il punto più basso del mondo, BadWater, a 86 metri ad di sotto del livello del mare. Altre destinazioni interessanti sono la Furnace Creek sulla Route 190, dove c’è l’Artist’s Palette, una zona caratterizzata da depositi minerali di colore verde, rosso e giallo, lo Zabriskie Point, reso celebre dall’omonimo film di Michelangelo Antonioni, e il Dante’s View, caratterizzato da un paesaggio infernale.

zabriskie point death valley national park california

Giorno 10: LAS VEGAS – SAN DIEGO (534 km)

Si riprende il viaggio in direzione sud, passando Lake Elsinore e Temecula, piccolo ma importante centro di produzione vinicola, in una zona famosa per il clima mite tutto l’anno e per la tranquillità della vita. Proseguimento per San Diego.

Giorno 11: SAN DIEGO

Dedicate tutto il giorno alla città di San Diego. San Diego è una citta moderna, con un bellissimo skyline, spiagge, un’animata vita culturale, tanto divertimento e molti luoghi che vale la pena di visitare. C’è anche una parte antica dell’abitato, la Old Town, con alcuni edifici in stile coloniale, la basilica San Diego de Alcalà e il grande mercato Bazar del Mundo. La Downtown, diversamente da altre città americane, è animata sia di giorno che di notte, vista la presenza di tanti locali, negozi e ristoranti.

Giorno 12: SAN DIEGO – LOS ANGELES (195 KM) – ITALIA

Arrivo in aeroporto e riconsegna auto. Volo di rientro in Italia e fine dei nostri servizi.